What’s On || 1-7 luglio || Un’estate all’insegna di teatro e musica

Teatro

“Dall’altra parte”, Teatro Stabile di Torino.

Non sarà certo il caldo torrido di queste settimane a farci desistere dall’andare a Teatro, ora che finalmente possiamo, e goderci ciò che per tanti mesi ci è mancato. Ed i Teatri ce la mettono tutta per non deluderci, infatti, continuando a proporre interessanti spettacoli e performance per tutti i gusti. Il Teatro Stabile di Torino ha ben due spettacoli in cartellone questa settimana, per il ciclo Summer Plays 21. Il primo si terrà al Teatro Gobetti dal 1 al 3 luglio e si intitola 130 Repliche de il Nome della Rosa – Teatro di Riciclo®: una rievocazione della messa in scena e della tournée dello spettacolo ispirato al famoso romanzo di Umberto Eco, scritto da Stefano Massini e diretto da Leo Muscato. Un viaggio nel teatro attraverso il teatro che vede come protagonista Marco Gobetti. La seconda proposta del teatro torinese, in scena il 5 e 6 luglio, è Dall’altra Parte, diretto da Carlo Roncaglia: la storia di una coppia costretta a vivere sotto i bombardamenti di una guerra che creerà un confine proprio all’interno delle loro mura domestiche.

Nel finesettimana – sabato dalle 10 alle 13 e domenica dalle 17 alle 20 – proseguono le Consultazioni Poetiche e Musicali del Teatro della Pergola, che in questi mesi di lockdown ci hanno accompagnato come forma di cura per l’anima a distanza, proprio come ci ha raccontato in una nostra intervista l’attrice Claudia Ludovica Marino. Questa volta, però, la ‘medicina culturale’ verrà somministrata alle anime bisognose dal vivo, in un luogo – il giardino delle Suore Oblate dell’Assunzione, in via Borgo Pinti 15 a Firenze – che ha particolare significato proprio per il suo rapporto con il Teatro della Pergola. Un tempo era, infatti, l’orto del custode, che lì produceva le prelibatezze che finivano poi nei piatti di tecnici e macchinisti alquanto affamati. E’ possibile prenotarsi per partecipare all’evento cliccando qui.

“Coefore/Eumenidi”, Fondazione INDA e Teatro Nazionale di Genova. Foto di F. Centaro.

Sarà Coefore/Eumenidi, per la regia di Davide Livermore, a debuttare in prima nazionale sabato 3 al Teatro Greco di Siracusa, in una coproduzione tra la Fondazione Istituto Nazionale per il Dramma Antico (INDA) ed il Teatro Nazionale di Genova. La tragedia di Eschilo, che ci racconta di come Oreste abbia vendicato il padre Agamennone, ci parla di un “sistema di potere distrutto” ed è assolutamente da non perdere per chi fosse così fortunato da visitare l’isola nel mese di luglio.

“Sun&Sea”, Teatro di Roma.

Fino al 4 luglio proseguono, inoltre, le repliche del suggestivo Sun&Sea, l’opera-performance diretta da Rugilė Barzdžiukaitė, che trasforma il Teatro Argentina in una spiaggia che il pubblico può osservare dall’alto, in un mix di musiche, suoni e canti che vogliono rappresentare “il lento cigolio di una Terra esausta, un rantolo.” Lo spettacolo, proposto dal Teatro di Roma, nasce dal lavoro di gruppo della regista e artista visiva lituana con la scrittrice Vaiva Grainytė e l’artista Lina Lapelytė.

“Poco più che persone – Greta”, Festivaldera 2021.

Lunedì 5, prosegue anche Festivaldera 2021 con Poco più che persone – Greta, uno spettacolo al femminile che vedrà come protagonista Vittoria Puccini, nei panni di una mamma che si chiede cosa significhi essere davvero madre e donna. La regia è curata da Marco D’Amore, mentre il testo è di Michele Santeramo.

Opera e concerti

“Il ritorno di Ulisse in Patria”, Maggio Musicale Fiorentino.

Si terrà il 3 luglio al Teatro della Pergola una nuova replica dell’opera di Monteverdi dal titolo Il Ritorno di Ulisse in Patria, inserita all’interno del programma dell’83° Festival del Maggio Musicale Fiorentino. Con libretto di Giacomo Badoaro, questo melodramma con prologo in tre atti – rappresentato per la prima volta a Venezia nel 1640 – prende ovviamente spunto dall’Odissea di Omero. La regia, in questo caso, sarà curata da Robert Carsen, mentre l’ensemble dell’Accademia Bizantina sarà diretto da Ottavio Dantone.

“Faust”, Teatro la Fenice.

E’ un’opera famosa anche quella presentata dal Teatro la Fenice di Venezia: il Faust di Gounod, la cui storia prende spunto dalla prima parte dell’omonimo poema di Goethe e che sarà in scena dal 1 al 3 luglio. A dirigere l’orchestra sarà Frédéric Chaslin, mentre regia, scene e costumi dello spettacolo sono a cura di Joan Anton Rechi. Il teatro veneziano ospiterà anche, presso il Malibran dal 2 al 10 luglio, un nuovo allestimento del dramma per musica in tre atti di Vivaldi dal titolo Farnace.

Il Teatro alla Scala propone infine un concerto diretto dal Maestro Manfred Honeck su musiche di Brahms e Dvořák interpretate al pianoforte da Beatrice Rana il 3 luglio. Mercoledì 7 sarà invece la volta della Serata Contemporanea, dedicata – appunto – alla danza contemporanea con un mix di coreografie e musiche per un evento all’insegna della grazia e del movimento.

Silvia Bedessi

Articolo creato 38

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto