What’s On || 18-24 febbraio || Valerio Mastandrea, Filippo Timi e non solo per una nuova settimana a teatro!

Teatro

“Il Fantasma delle Verità”, docufilm su “Così è se vi pare”, Teatro Stabile di Torino.

Questa settimana iniziamo con uno sguardo dietro le quinte. È già online, infatti, Il Fantasma delle Verità, docufilm realizzato da Lucio Fiorentino sullo spettacolo Così è Se Vi Pare diretto da Filippo Dini. Si tratta del secondo episodio della serie CAMERE NASCOSTE. Svelare il Teatro a Porte Chiuse, che il Teatro Stabile di Torino ha voluto creare per mantenere vivo e forte il rapporto con il pubblico, che si è purtroppo trovato impossibilitato a vivere in maniera più diretta la magia che il teatro sa regalare. Il film mostra come il lavoro di artisti e maestranze non si sia fermato in questi mesi, ma anzi come, seppur in maniera diversa, si sia riusciti a continuare a lavorare in una sorta di nuova e diversa normalità. È sempre di Lucio Fiorentino il docufilm realizzato per il Teatro di Napoli dal titolo Prenditi Cura di Me, realizzato intorno alla costruzione dello spettacolo Spacciatore, diretto da Pierpaolo Sepe, in streaming sabato 20 alle 21.


Valerio Mastandrea e Emanuela Fanelli, Teatro di Roma.

Sarà invece Valerio Mastandrea, insieme a Emanuela Fanelli, a condurci per le strade di Roma, in una sorta di “guida acustica dal centro alle periferie” grazie alla lettura dell’edizione di The Passenger dedicata alla Capitale dalla casa editrice Iperborea. L’evento in due tempi sarà online oggi (18 febbraio) alle ore 13 e 18 sul sito del Teatro di Roma. Il 21 febbraio alle 19, sempre sul canale YouTube del teatro romano, torna invece – con la seconda di quattro nuove puntate – Metamorfosi Cabaret per la regia di Giorgio Barberio Corsetti. Questa volta Filippo Timi trasformerà il Teatro Argentina in un “antro stregonesco” in cui, prendendo spunto dal Faust di Goethe nonché da Edgar Allan Poe, indagherà su desiderio, potere e collettività.


“È tanto che non bevo Champagne”, Teatro Elfo Puccini.

Il Teatro Elfo Puccini ha regalato al suo pubblico una chicca romantica che sarà online fino al 21 febbraio: Ė Tanto che non Bevo Champagne di Francesco Frongia. Con Ferdinando Bruni e Ida Marinelli, che in una particolare ed eterea dimensione spazio-temporale, vestono i panni di Anton Čechov e Olga Knipper, interpretandone le lettere, lo spettacolo indaga sui concetti di assenza e lontananza.


“Hymn”, Almeida Theatre.

Oltremanica le proposte teatrali in streaming continuano ad essere molte e molto interessanti. Fino al 21 febbraio, Hymn, uno spettacolo di Lolita Chakrabarti diretto da Blanche McIntyre per Almeida Theatre, si e ci chiede cosa significhi essere un buon padre, fratello o figlio, raccontandoci la storia di due uomini che si incontrano ad un funerale e le cui vite finiranno per intrecciarsi per sempre. I protagonisti sono interpretati da Adrian Lester e Danny Sapani.


“Typical”, Soho Theatre.

Da mercoledì 24, il Soho Theatre di Londra ci conduce infine in una riflessione sul razzismo, ancora drammaticamente presente nella società contemporanea, con Typical, uno spettacolo di Ryan Calais Cameron e con Richard Blackwood. La pièce, che ha debuttato due anni fa all’Edinburgh Festival Fringe, indaga anche su come venga interpretato e stereotipato il ruolo del ‘maschio inglese di colore’, in una performance che è stata definita come eccellente da The Stage.

Opera e concerti

Salome, Teatro alla Scala.

Si parte questa sera, giovedì 18, con il maestro Michele Gamba, che, in streaming alle ore 19 sul sito del Teatro alla Scala, illustrerà alcuni dettagli della partitura di Salome, suonando un pianoforte appartenuto niente di meno che a Franz Liszt, anticipando così la prima dell’opera di Richard Strauss, prevista per sabato 20 alle 20 in diretta su Rai5, dopo essere stata annullata lo scorso marzo a causa della pandemia. L’Orchestra del Teatro alla Scala verrà diretta per l’occasione dal maestro Riccardo Chailly (invece che da Zubin Mehta come previsto, costretto a ritirarsi dal progetto per motivi di salute), mentre la regia dello spettacolo è di Damiano Michieletto.

Bozzetto per la scena di “Salome” di Damiano Michieletto. Le scene saranno di Paolo Fantin.
Come ogni settimana, da segnalare anche gli appuntamenti quotidiani con The Metropolitan Opera di New York, che propone altri quattro spettacoli, da giovedì a domenica, per concludere la settimana dedicata a Zeffirelli: la Tosca di Puccini (con Placido Domingo), il Don Giovanni di Mozart, la Carmen di Bizet (sempre con Domingo) e la Turandot di Puccini. Lunedì 22 si inaugura invece un nuovo ciclo di opere per celebrare il famoso baritono russo Dmitri Hvorostovsky, che prevede lo streaming de Il Trovatore di Verdi, seguito da La Dama di Picche e Eugene Onegin di Čajkovskij.
“The Queen of Spades”, The Metropolitan Opera. Copyright: Marty Sohl/Metropolitan Opera.
Il Teatro Stabile del Veneto propone un’oper(ett)a imponente, con ben 120 lavoratori coinvolti sotto la direzione del regista Paolo Giani Cei, cui la pandemia non ha impedito di lavorare in sicurezza per realizzare uno spettacolo in piena regola, con anzi una scenografia che non passerà assolutamente inosservata. Al suo debutto domenica 21 alle ore 17, La Vedova Allegra di Franz Lehár, coprodotta con il contributo del Comune di Padova e del Comune di Treviso, è un titolo molto amato e riuscirà nuovamente a dar vita a intrecci sentimentali che uniscono danze, politica, innamoramenti e tradimenti nella Parigi della Belle Époque.
“La Vedova Allegra”, Teatro Stabile del Veneto. Copyright: Michele Crosera.

Tornando ai concerti, giovedì 18, il Teatro Regio di Torino ne propone uno diretto dal maestro Daniele Rustioni, che guiderà l’Orchestra in tre brani di Beethoven: Die Geschöpfe des Prometheus, Meeresstille und Glückliche Fahrt e la sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 55 “Eroica“. Venerdì 19 ancora doppia scelta per gli amanti della musica classica: l’Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli, diretta da Maurizio Agostini, ci regalerà la sinfonia n.9 in do maggiore D 944 “La Grande” di Franz Schubert, online alle ore 20 (e disponibile fino al 28 febbraio); l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, alle ore 20.30, sotto la direzione di Jukka-Pekka Saraste, eseguirà invece Folk Songs di Berio e la sinfonia n.5 di Čajkovskij (live sul suo canale YouTube alle 20.30).

“Spostandoci” al Teatro La Fenice di Venezia, domenica 21 alle ore 17.30, verrà trasmesso in streaming il concerto diretto da Antonello Manacorda avente come protagonista la sinfonia n.4 in sol maggiore con soprano solista (che questa volta sarà la soprano Carmela Remigio) di Mahler. A concludere questa interessante lista di eventi, sarà il tenore Vittorio Grigolo, accompagnato al pianoforte da Vincenzo Scalera, che ci delizierà con alcuni brani tratti da opere di Donizetti, Verdi e Puccini lunedì 22 alle ore 20.

Da vedere…


“Mappe di un Nuovo Mondo”, Teatro della Pergola.

Le Mappe di un Nuovo Mondo del Teatro della Pergola, appuntamento del giovedì con ospiti di varie ‘provenienze’ culturali che ci aiutano ad orientarci verso ‘il mondo che verrà’, ci portano questa settimana (oggi alle ore 17) ad indagare sul potere della parola insieme a Vera Gheno, sociolinguista ungherese che lavora, tra gli altri, con l’Accademia della Crusca, Zanichelli e l’Università di Firenze.

Il Teatro di Roma ci conduce infine a spasso nel passato con Luce sull’Archeologia, domenica 21 alle 11, per un viaggio tra storia e arte che ci permetta di riscoprire una Roma andata (ma non troppo). L’evento è a cura di Claudio Strinati, Andreas M. Steiner, Massimiliano Girardi e prevede interventi su Enea e i profughi alle origini di Roma (di Mario Lentano) e Storie dal Colosseo (di Alfonsina Russo). Le letture saranno di Lorenzo Parrotto.

Silvia Bedessi

Articolo creato 37

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto